Pensionati a rischio sanzione, la Confconsumatori chiede indennizzi all’Inps

La Confconsumatori ha scritto una lettera all’Inps e al Mef per chiedere chiarimenti e opportune misure correttive a favore dei cittadini che hanno ricevuto tardive rettifiche dall’istituto.

Nei mesi scorsi infatti, sono molti i pensionati che si sono visti recapitare lettere dell’INPS contenenti certificazioni Cud dell’anno 2020 rettificate, in sostituzione delle precedenti a suo tempo inviate.

Dal momento che la rettifica è pervenuta oltre la scadenza del 10 dicembre, i pensionati interessati dovranno presentare una certificazione integrativa entro marzo, per la quale è prevista una sanzione.

Nelle lettere ricevute dai pensionati l’Inps ha comunicato che “La rettifica si è resa necessaria per integrare, sostituire o correggere i dati della precedente Certificazione Unica, nella quale le somme certificate non corrispondevano a quelle effettivamente erogate o trattenute dall’Inps nel 2019”. La nuova certificazione unica è pervenuta successivamente alla data del 10.12.2020 entro la quale la dichiarazione dei redditi deve obbligatoriamente essere inviata.

A fronte di ciò, stante il riconosciuto ma non meglio specificato errore da parte dell’Inps, i destinatari di tale missiva si vedono costretti, entro il mese di marzo 2021, a presentare una dichiarazione integrativa per la quale è prevista una sanzione di euro 25. Qualora non provvedessero entro tale termine, potrebbero essere sanzionati dall’Agenzia delle Entrate per omessa presentazione della dichiarazione dei redditi.

Confconsumatori ha invitato l’INPS a spiegare i motivi dell’errore massivo scusandosi con i pensionati. L’associazione ha altresì invitato il Ministero dell’Economia e l’Agenzia delle Entrate ad acconsentire alla riapertura dei termini per la presentazione delle denunce dei redditi senza alcuna sanzione. Parimenti Confconsumatori invita l’INPS a riconoscere un equo quanto automatico indennizzo di euro 50,00 da corrispondersi ai pensionati a titolo di risarcimento per il disagio connesso ai nuovi indispensabili accessi presso gli uffici di caf o di commercialisti.

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’Assessora Simona Lepori a colloquio con il Sindaco Coletta
Articolo successivoProcesso Vasco De Gama, rinvio a giudizio per Coletta
Francesca Milani
Laureata in psicologia dello sviluppo e dell'educazione, con un master in organizzazione e sviluppo del capitale umano in ambito internazionale, da anni si occupa di comunicazione. Nel 2014 è referente di progetto presso l'ufficio stampa del Comune di Latina. Dal 2015 cura la promozione sportiva, manifestazioni, organizzazione eventi e ufficio stampa. Adora scrivere, specializzata nella gestione delle piattaforme digitali e social, sviluppa la sua creatività anche in ambito grafico.