Turismo 2.0, a Lenola la Carta delle Terre di Confine: una rete tra Comuni

Nasce a Lenola la Carta del Turista “Terre di Confine” 2019-2020. L’iniziativa di promozione del territorio si basa sulla rete attivata con Fondi e Monte San Biagio e punta a dare valore e futuro alle realtà produttive, ricreative e a tutte le associazioni locali che da anni si spendono quotidianamente per far conoscere le bellezze e le ricchezze naturalistiche, le tradizioni storiche e folcloristiche, le specialità enogastronomiche  e la proverbiale ospitalità della comunità.

La presentazione del progetto ha avuto luogo oggi nell’aula consiliare del Comune di Lenola. “Vogliamo dare valore e futuro alle nostre risorse. Farlo da oggi insieme ad altri due Comuni importanti nel comprensorio di cui facciamo parte – ha detto il sindaco Fernando Magnafico -, è il modo più efficace per provare a fare sistema, facendo crescere anche al di fuori dei confini dei nostri territori la conoscenza di quello che mettiamo a disposizione, a due passi dalle coste più belle del Tirreno”.

La carta del turismo è una sorta di vademecum per i visitatori, frutto dell’alleanza tra Comuni limitrofi: una dispensa portatile, agile e corredata da foto e indirizzi web, grazie alla quale le 132 attività che, al momento, hanno aderito all’iniziativa potranno fornire ai loro clienti tutte le informazioni e i riferimenti a luoghi suggestivi, musei, ristoranti, negozi, prodotti tipici, chiese, lidi, B&B, ma pure a eventi, sagre e feste in programma sul territorio nei prossimi mesi. Senza dimenticare le iniziative promozionali e gli eventi a tema, con date e orari dettagliati. Una guida cartacea, che nei prossimi mesi dovrebbe diventare anche digitale e sbarcare su Internet, per aumentare esponenzialmente il numero di potenziali avventori interessati, nel Lazio e oltre regione.

Nell’aula consiliare di Lenola erano presenti, tra gli altri, anche la presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Fondi, Rita Di Fazio, e il Delegato al Turismo del Comune di Monte San Biagio, Giuseppe Pascale, con il vice-sindaco monticellano Gianmarco Pernarella. Accanto a loro, il delegato al Turismo e Innovazione di Lenola, Angelo Guglietta, che ha ricordato l’importanza strategica di una scelta amministrativa.

“Questa iniziativa punta – ha detto Guglietta – ad avvicinare finalmente il nostro comprensorio territoriale ad altre realtà italiane che hanno già saputo mettersi insieme per fare massa critica e potenziare in questo modo la portata dell’interesse di turisti, pellegrini e villeggianti”.

Un’altra novità del progetto a cui hanno aderito i tre Comuni pontini è la “Tourist Card”, che consentirà a quanti alloggeranno nel territorio di fruire in tutti gli esercizi partner di uno sconto pari almeno al 10% su acquisti, cene, alloggio. Regia sapiente dell’iniziativa è quella dell’Associazione B&B Fondi, guidata dal presidente Tommaso De Virgilio, che ha illustrato nei particolari le caratteristiche salienti del progetto ‘Terre di Confine’.

Il primo vero “banco di prova” dell’iniziativa, che ha suscitato entusiasmo negli amministratori e nei rappresentanti di associazioni e attività commerciali dei tre Comuni pontini, sarà l’ormai prossima stagione estiva.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti