Latina, Briganti: assunti vigili e attivato i varchi Ztl, una città più sicura

Il vice sindaco di Latina Paola Briganti

Ad un anno di insediamento dell’amministrazione comunale Latina Bene Comune gli assessori della giunta Coletta stanno tracciando un bilancio delle iniziative portate a termine. Il report parte dalla situazione trovata e finisce con le prospettive future. Oggi la pubblicazione del report dell’assessorato alla Trasparenza, legalità e sicurezza retto dal vice sindaco Paola Briganti che riportiamo di seguito.

Assessorato alla Trasparenza, Legalità e Sicurezza

Assessore: Maria Paola Briganti

Che cosa abbiamo trovato?

Sulle tematiche della legalità e trasparenza abbiamo trovato oggettivamente poco, l’assessorato non esisteva e pertanto le tematiche non trovavano reale espressione in risorse (umane e finanziarie) e in organizzazione degli uffici.  Il rispetto della normativa sul punto è apparso più formale che sostanziale e l’attività dell’Amministrazione poco improntata ai criteri di semplicità e accessibilità che la legge impone. Analoga riflessione sul tema di Controlli e Piano Anticorruzione, materie di diretta responsabilità della Segreteria Generale ma implicitamente coinvolte nell’assessorato. Esempi rilevati: protocollo, pubblicazione atti, fruibilità e interattività sito web, digitalizzazione e dematerializzazione attività, comunicazione inter ed extra istituzionale.

La delega sulla sicurezza ha registrato, come purtroppo per molti altri settori, la carenza di mezzi finanziari e risorse umane, in questo settore particolarmente rilevante perché la “fisicità ” è elemento non trascurabile e naturalmente destinato a venire meno con l’avanzare dell’età anagrafica, che spesso limita o addirittura impedisce lo svolgimento dei servizi di pattugliamento esterno. In questo la causa del livello di presenza dei vigili in città, oggettivamente insufficiente.

L’ampliamento a febbraio della delega alla Protezione Civile ha evidenziato la necessità di verificare la completezza e adeguatezza degli strumenti adottati dall’Ente alle prescrizione di legge (principalmente il Piano Comunale di Protezione Civile) nonché livello e qualità delle relazioni con gli attori di questa importante funzione (il Gruppo Comunale, le numerose Associazioni di Volontari presenti sul territorio e Prefettura e Regione Lazio quali partner istituzionali).

Che cosa abbiamo fatto?

In questo primo anno, sui vincoli di risorse dettati dal bilancio commissariale prima, ma anche piu’ recentemente nello scorcio di anno successivo all’approvazione del bilancio preventivo 2017 che è il primo di questa consiliatura, abbiamo attivato quanto possibile, approfondendo alla luce di legalità e trasparenza “sostanziali” alcune tematiche e problematiche relative principalmente a progetti di finanza sbilanciati, a servizi importanti esternalizzati con affidamenti in regime di proroga o di imminente scadenza, a potenziali definanziamenti da parte di Regione e Comunità Europea di progetti non completamente o correttamente completati o rendicontati. Le risorse hanno consentito di programmare al momento 2 assunzioni di Vigili Urbani a tempo indeterminato attingendo a graduatorie di Comuni che hanno espletato concorsi recenti e 6 assunzioni stagionali per 4 mesi con il principale intento di incrementare la presenza dei Vigili sul territorio e la conseguente percezione di sicurezza del cittadino.

In concreto abbiamo attivato:  la rilevazione elettronica dei varchi della ZTL gestendo sia la fase sperimentale che quella definitiva, le campagne di contrasto ai fenomeni delle affissioni abusive e dei parcheggi selvaggi, l’inversione del senso di marcia del lungomare per migliorare la sicurezza della viabilità già dalla stagione estiva in corso, il sistema di videosorveglianza delle telecamere installate in città e sul lungomare (Progetto Videosorveglianza e Progetto Smart Sea), il progetto di protezione Civile nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro con il liceo classico Alighieri e il liceo scientifico Grassi.

Inoltre sono avviate: le attività per l’adeguamento dell’attuale Piano di Protezione Civile alla normativa regionale dopo il parere di non conformità ricevuto sull’attuale Piano vigente, le attività formative rivolte alle scolaresche per promuovere la conoscenza delle funzioni e dei luoghi del Comune nonché sensibilizzare il medesimo target sui temi della sicurezza stradale e il percorso per condividere con la Prefettura il Patto per Latina Città Sicura.

Infine è stato avviato un progetto di revisione e miglioramento della comunicazione istituzionale attraverso il potenziamento anche del sito web comunale.

Che cosa vogliamo fare?

A parte il completamento delle attività avviate e sempre compatibilmente con i vincoli di risorse vorremmo:

  • verificare la percorribilità di forme di sicurezza integrate con strumenti partecipativi (il nonno vigile e il controllo del vicinato);
  • potenziare la rete della videosorveglianza attraverso l’integrazione con sistemi privati già presenti sul territorio;
  • verificare la possibilità di inserire Latina nel circuito delle città cardioprotette a seguito dell’installazione di defibrillatori utilizzabili anche da personale non sanitario;
  • estendere l’attività formativa/informativa sui temi della legalità alla cittadinanza prevedendo incontri tematici sull’argomento;
  • verificare la possibilità di recuperare all’uso pubblico beni sottratti alla criminalità nel nostro territorio;
  • fornire indirizzi politici costruiti su percorsi condivisi con la cittadinanza relativamente al Piano Sosta della città e della marina, in scadenza il prossimo gennaio 2018;
  • attivare quanto sarà previsto dal revisionando Piano di Protezione Civile in termini di iniziative di simulazione degli scenari di rischio tipici del nostro territorio, proseguendo e ampliando l’attività di collaborazione con le istituzioni scolastiche nell’ambito delle iniziative di alternanza scuola-lavoro avviate quest’anno.

 

 

 

 

 

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti