Botta e risposta tra Casati e Tripodi, il coordinatore Lega: “Abbiamo colto nel segno”

    Angelo Tripodi

    Controrisposta al vetriolo di Angelo Tripodi al direttore generale della Asl, Giorgio Casati, che aveva portato i numeri a dimostrare che il Goretti sia in realtà uno degli ospedali più sicuri durante questa pandemia da coronavirus.

    “Il direttore generale dell’Asl di Latina, Giorgio Casati – ha ribattuto Tripodi – si è innervosito perché evidentemente abbiamo colto nel segno con le nostre osservazioni. Tra l’altro, conferma che sugli accessi la sicurezza è demandata al buonsenso degli utenti.

    Invece di agitarsi, dovrebbe ricordarsi che è ben pagato per garantire anche la sicurezza delle strutture sanitarie e un consigliere regionale, eletto dai cittadini che gli assicurano lo stipendio, ha l’obbligo di controllare l’operato e rendersi portavoce delle eventuali carenze del servizio pubblico”.

    “Non si può sottacere – ha aggiunto il capogruppo della Lega in consiglio regionale del Lazio – sulle mascherine indossate non adeguatamente all’interno dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina e sulla mancanza, a volte, della misurazione della temperatura per accedere al nosocomio. Pertanto il direttore generale dell’Asl si attivi anche per rimettere in funzione tutti gli ascensori dell’ospedale, evitando così l’affollamento nell’unico funzionante”.