Confartigianato, Alovisi sostiene il comparto sportivo: “Non alza i contagi”

La Confartigianato Latina, realtà vicina agli imprenditori e al mondo delle imprese e delle attività produttive, si schiera al fianco dello sport per dare voce agli operatori del settore fortemente penalizzati dalle chiusure tuttora vigenti.

Per l’associazione di categoria, guidata da Salvatore Alovisi è ora di riaprire in sicurezza per riuscire a risollevarsi dalla forte crisi economica che sta flagellando le imprese sportive, come dichiarato in una nota dallo stesso presidente: “Sono l’anima dell’economia eppure continuano a pagare il prezzo più alto della pandemia e della crisi economica da essa generata”.

Il suo appello a fare qualcosa di concreto è rivolto soprattutto al comparto dello sport e delle attività ricreative: palestre, strutture sportive, impianti che ormai da un anno non riescono più a lavorare.

Prima la chiusura, poi la riapertura tra protocolli e operazioni di sicurezza: “Tutto giusto – commenta Alovisi – peccato poi tornare a chiudere una categoria per la quale non ci sono evidenze scientifiche che contribuiscano in qualche modo ad alzare il livello di contagi. Come se non bastasse, mentre si assiste a riaperture a macchia di leopardo tra le varie categorie produttive, per il mondo dello sport non si vedono ancora spiragli definiti. Cosa bisogna fare per riaprire i cancelli di palestre, piscine e impianti sportivi? Ci sono migliaia di lavoratori a cui nessuno si degna di rispondere. Senza considerare il valore sociale, ricreativo e della salute che lo sport significa. Chiediamo soluzioni chiare, coraggiose e senza ripensamenti come accaduto in passato – commenta il presidente della Confartigianato Latina – Siamo al fianco dei lavoratori colpiti da questa grave crisi e offriamo tutto il supporto possibile. Saremo interlocutori delle istituzioni – conclude – sostenitori di una politica che guardi anche agli interessi di questa categoria messa ai margini”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCisterna, la Polizia arresta noto criminale della zona
Articolo successivoSud Pontino, Torrente Pontone. Il prefetto convoca riunione
Francesca Milani
Laureata in psicologia dello sviluppo e dell'educazione, con un master in organizzazione e sviluppo del capitale umano in ambito internazionale, da anni si occupa di comunicazione. Nel 2014 è referente di progetto presso l'ufficio stampa del Comune di Latina. Dal 2015 cura la promozione sportiva, manifestazioni, organizzazione eventi e ufficio stampa. Adora scrivere, specializzata nella gestione delle piattaforme digitali e social, sviluppa la sua creatività anche in ambito grafico.