Firmato il nuovo Dpcm, confermata la stretta per Natale e Capodanno

Il Comune di Latina

Il nuovo Dpcm tanto atteso dagli italiani è stato firmato dal presidente Conte e le misure restrittive per Natale e Capodanno sono state confermate. Del resto il numero delle vittime da coronavirus di questi giorni non lascia il campo a soluzioni alternative.

Il Dpcm è in vigore da oggi, 4 dicembre, e varrà fino al 15 gennaio 2021.

La stretta più importante riguarda quella tra il 21 dicembre al 6 gennaio: sono vietati tutti gli spostamenti da una Regione all’altra, anche per raggiungere le seconde case.

Il 25 e 26 dicembre e il 1 gennaio sono vietati anche gli spostamenti da un Comune all’altro. Resta il coprifuoco, cioè il divieto di spostarsi su tutto il territorio italiano dalle 22 alle 5. Il 31 dicembre, Capodanno, vietati gli spostamenti dalle 22 alle 7.

E’ sempre consentito il rientro nel Comune di residenza, nel proprio domicilio e nel luogo in cui si abita con continuità o periodicità. Questo permette il ricongiungimento di coppie lontane per motivi di lavoro ma che convivono con una certa frequenza e periodicità nella medesima abitazione.

Sono consentiti sempre gli spostamenti per motivi di lavoro, necessità o salute, anche nelle ore notturne. Tra i motivi di necessità rientra anche l’assistenza a persone non autosufficienti.

E’ raccomandato fortemente di non ricevere persone non conviventi, soprattutto per cenoni e veglioni.

I viaggi all’estero sono fortemente limitati, perché al ritorno non si potrà tornare subito al lavoro o uscire: gli italiani che andranno all’estero per turismo dal 21 dicembre al 6 gennaio al rientro dovranno sottoporsi alla quarantena. Anche i turisti stranieri che arrivano in Italia nello stesso periodo dovranno sottoporsi dalla quarantena.

Chiusi gli impianti sciistici dal 4 dicembre al 6 gennaio. Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono sospese le crociere in partenza, scalo o arrivi in porti italiani.

Dal 7 gennaio ricomincerà la didattica in presenza nelle scuole superiori di secondo grado: in questa fase in ogni scuola sarà garantito il rientro in presenza del 75% degli studenti.

Nelle aree gialle: bar, ristoranti, pizzerie, gelaterie, pasticcerie ecc. saranno aperti sempre a pranzo, anche a Natale e Santo Stefano, dalle 5 alle 18, tutti i giorni. In ogni tavolo possono sedersi al massimo 4 persone se non sono tutte conviventi. Dopo le 18 è vietato consumare cibi o bevande per strada

Alberghi ed hotel rimangono aperti in tutta Italia, ma il 31 sera, cioè a Capodanno, non sarà possibile organizzare veglioni o cene. I ristoranti degli alberghi chiuderanno alle 18. Dopo quell’ora sarà consentito solo servizio in camera.

I negozi dal 4 dicembre al 6 gennaio potranno rimanere aperti fino alle 21. Ma dal 4 dicembre al 15 gennaio nei giorni festivi e prefestivi nei centri commerciali saranno aperti solo alimentari, farmacie, parafarmacie, sanitari, tabacchi, edicole e vivai.

Fino al 31 dicembre, inoltre, per chi paga con carte di credito, bancomat o app scatta un rimborso del 10% fino a 150 euro. Solo per chi compra in negozi fisici, e non online (qualunque spesa è ammessa, ed è cumulabile all’interno della famiglia). Per partecipare è necessario scaricare l’app IO e identificarsi con la Carta d’identità elettronica o con lo Spid.