Latina, al Goretti endoprotesi su misura per l’eccellenza della chirurgia endovascolare aortica complessa

    L'ospedale Santa Maria Goretti di Latina

    Al Goretti di Latina interventi di chirurgia endovascolare aortica complessa con impianto di endoprotesi customizzate. Ne dà notizia la direzione generale della Asl pontina. La Chirurgia vascolare dell’ospedale di Latina si conferma, con una media di 700 interventi annui su tutti i distretti vascolari arteriosi, come Unità operativa di eccellenza: effettuati anche effettuati anche quattro interventi di chirurgia endovascolare aortica complessa, che vede il trattamento degli aneurismi toracoaddominali e pararenali (patologia che dopo i 55 anni colpisce il 4/8 per cento degli uomini e l’1 per cento tra le donne), mediante l’impianto di endoprotesi customizzate, (fatte su misura) sull’anatomia del singolo paziente.

    “Queste protesi – spiega una nota stampa della Asl di Latina – permettono di preservare importantissimi rami arteriosi che nascono dall’aorta e che se chiusi sono causa di insufficienza renale e decesso del paziente. La specifica tipologia dell’intervento eseguito dall’equipe del dottor Giovanni Bertoletti, direttore dell’Uoc di Chirurgia Vascolare e Capo Dipartimento delle Specialità Chirurgiche, rappresenta un traguardo nel trattamento di patologie aortiche altrimenti gravate da notevoli percentuali di mortalità e complicanze cliniche perioperatorie. Con questo tipo di intervento il paziente ha una ripresa velocissima con una degenza post operatoria che può durare al massimo cinque giorni. Un intervento quindi che offre notevole vantaggi al paziente rispetto al trattamento chirurgico tradizionale. I maggiori sono rappresentati da un abbattimento delle complicanze, la riduzione dei giorni di degenza operatoria e da una restituzione a migliore qualità di vita (data la ridotta invasività del trattamento)”.

    L’intervento viene eseguito con uno stress chirurgico minimo poiché vengono praticate solo
    due minincisioni nella zona dell’inguine, in quanto l’endoprotesi viene rilasciata navigando
    all’interno delle arterie con l’ausilio dei raggi x.

    “Tutto questo si è potuto verificare – spiega la direzione generale della Asl pontina – grazie alla grande esperienza maturata negli anni con le procedure endovascolari sia in elezione che in emergenza (la Uoc esegue in media 150 trattamenti endovascolari l’anno per aneurisma). Ad oggi questi interventi, nonostante la loro complessità e la loro durata, vengono effettuati con apparecchiature che verranno rese ancora più all’avanguardia con l’arrivo della sala ibrida che permetterà di effettuarne un numero maggiore attraverso l’utilizzo di tecnologie particolarmente avanzate. E il Santa Maria Goretti potrà annoverarsi come uno dei pochi ospedali di eccellenza con tecnologia altamente avanzata”.