Latina e il parcheggio al posto della caserma, Pacifico attacca Coletta: come in “Johnny Stecchino”

Damiano Coletta come nel film “Johnny Stecchino”, nella scena in cui lo zio di Dante afferma che il problema di Palermo è il traffico. Nel mentre monta la polemica sulla realizzazione a Latina, nel quartiere Nascosa, di un parcheggio a servizio della nuove palazzine di via Respighi in luogo della futura caserma dei carabinieri, come da un protocollo d’intesa risalente a dieci anni fa, la senatrice pontina del Movimento Cinque Stelle Marinella Pacifico asfalta il sindaco del capoluogo.

La senatrice Mariella Pacifico

Per l’esponente della maggioranza del governo giallo verde la guerra alle mafie parte dallo Stato proprio attraverso il controllo del territorio. “Pertanto – afferma -, consiglio al sindaco di leggere un po’ più spesso il mattinale della Questura e frequentare le aule del Tribunale, perché lo aiuterebbe a capire che a Latina il problema non è il traffico ma la criminalità. La guerra alle organizzazioni criminali si fa con atti concreti, non con stanche passerelle o nei salotti di certa Antimafia. Faccia un atto concreto Sindaco Damiano Coletta, costruisca la stazione dei Carabinieri”.

“L’amministrazione a guida del sindaco Vincenzo Zaccheo – afferma la senatrice – aveva individuato in accordo con il Ministero dell’Interno, la Prefettura, i Ministeri competenti ed il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, un’area per la realizzazione di  una nuova e più efficiente caserma dei Carabinieri. E’ doveroso ricordare, o meglio spiegare, al sindaco Coletta che la città che amministra ha subito in questi ultimi anni una vertiginosa espansione urbanistica, derivante dall’aumento della popolazione residente. Potrei ricordare a Coletta che i presidi di polizia inseriti in contesti urbani agevolano la crescita economica. Dottrina  ormai adottata da tutti i sindaci di città complesse, infatti fu teorizzata dall’ex sindaco di New York Giuliani e poi fatta propria da tutti gli altri che lo seguirono. Le caserme garantiscono agli abitanti quel sacrosanto diritto alla sicurezza ed alla legalità che a Latina, ormai, sembrano essere privilegio di pochi”.

Da anni il sindacato di Polizia Ugl-Les si batte per l’apertura di un commissariato di Polizia nei nuovi quartieri di Latina Q4 e Q5 in cui risiedono 35mila abitanti. Zaccheo pensò ad una nuova sede per la caserma della compagnia dei carabinieri di Latina. Nell’era di Coletta si stanno realizzando nuovi insediamenti abitativi e aree di parcheggio, proprio dove in base al protocollo ricordato da Zaccheo sarebbe stata individuata la location per un presidio dei carabinieri.

“Potrei spiegare, se solo lo volesse il sindaco, che la guerra alle mafie parte dallo Stato proprio attraverso il controllo del territorio”, conclude pacifico appellandosi a Coletta affinché sia realizzata la nuova caserma dell’Arma nei quartieri Q4 e Q5, altrimenti “ogni qualvolta a Latina si discute di sicurezza e legalità ed ogni qualvolta il sindaco interviene, inevitabilmente, ci torna in mente la scena di quel divertente film di Benigni in cui afferma che il problema di Palermo è il traffico”.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti