Latina, Urbania e la beffa dei parcheggi a pagamento. Bugia Blu torna alla carica

L’amministrazione comunale di Latina informi la cittadinanza sullo stato dell’arte relativo alla riscossione del credito nei confronti della società Traffic City Motion s.r.l., già Urbania Multiservizi s.r.l., e sull’iter del procedimento di insinuazione al passivo fallimentare della società Confideuropa Scpa. Bugia Blu torna alla carica con una nuova istanza di accesso agli atti. In ballo un milione di euro.

Il presidente del comitato Bugia Blu, l’ingegnere Massimo De Simone, con una nota indirizzata al Comune di Latina ripercorre le tappe del caso Urbania e del mancato versamento nelle casse dell’ente municipale come corrispettivo degli introiti da parcheggio a pagamento. A fronte del debito, spiega l’ingegnere, il Comune nel 2014 ha concesso ad Urbania un piano di rientro che purtroppo si è fermato alla terza rata per un importo complessivo pari a 89.659,05 euro. Sebbene coperto da polizza fideiussoria rilasciata da Confideuropa – aggiunge De Simone – l’escussione ha dato esito negativo. Con atti avviati dal commissario prefettizio Giacomo Barbato – è sempre la ricostruzione di Bugia Blu -, la giunta del sindaco Damiano Coletta ha confermato, con delibera del 30 dicembre 2016, “di procedere nell’insinuazione del passivo fallimentare della società Confideuropa, resosi nel frattempo definitivo con sentenza numero 4/2016 del 14 novembre 2016 del Tribunale di L’Aquila”.

Ebbene, essendo trascorsi 16 mesi dall’ultimo atto amministrativo relativo alla riscossione del credito, l’ingegnere De Simone torna a fare istanza di accesso agli atti con la motivazione del pubblico interesse per sapere e rendere informata la cittadinanza se e quali beni monetari, mobili e immobili sono stati aggrediti al fine di recuperare un milione di euro sfuggito alla casse del Comune.

“Gli atti dei procedimenti giudiziali in corso sono sottratti al diritto di accesso, lamenta il presidente del comitato Bugia Blu che aggiunge: “L’azione di questo comitato è stata sempre tesa al soddisfacimento dell’interesse pubblico e improntata a destare attenzione e sollecitare tutte le amministrazioni coinvolte, comprendendo già dai primi mesi il pericolo del danno economico milionario che poi purtroppo si è effettivamente concretizzato, non mancando di produrre documentazione anche alla Corte dei Conti; l’attività amministrativa deve sempre ispirarsi al principio di trasparenza che consiste, nella sua accezione più ampia, nell’assicurare la massima circolazione possibile delle informazioni sia all’interno del sistema amministrativo, sia fra questo ultimo ed il mondo esterno, avendo diritto gli interessati ad una informazione qualificata e a conoscere lo stato dei procedimenti; è passato più di un anno dalle deliberazioni comunali del dicembre 2016 e anche dalla stampa non giungono da tempo informazioni recenti e aggiornate sul credito milionario vantato dal Comune di Latina”.

Per tutte queste ragioni il comitato Bugia Blu ha chiesto formalmente all’amministrazione comunale: 1) lo stato e l’iter del procedimento di riscossione del credito nei confronti della società Traffic City Motion s.r.l., già Urbania Multiservizi s.r.l. In particolare, se e quali beni monetari, mobili e immobili sono stati aggrediti; 2) lo stato e l’iter del procedimento di insinuazione al passivo fallimentare della società Confideuropa Scpa.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti