Latina, uccide la moglie e tenta il suicidio. Tragedia familiare in via Pisacane

1144
I carabinieri in via Pisacane a Latina davanti al palazzo dell'omicidio di Anna Recalcati

Dramma familiare questa sera poco prima delle 22 in pieno centro a Latina dove una donna di 69 anni, Anna Recalcati, è stata uccisa dal marito Ernesto Cardosi, 72enne originario di Marsala, che poi avrebbe tentato il suicidio. Secondo i primi accertamenti dei carabinieri giunti sul posto, in via Pisacane, la donna sarebbe stata presa a botte e poi raggiunta da un colpo d’arma da fuoco alla testa. Il dramma della follia è avvenuto al sesto piano di Palazzo Pennacchi, all’interno dell’abitazione dell’anziana coppia. L’uomo si trova ora in ospedale dove è stato sottoposto a lavanda gastrica.

A coordinare le indagini è il sostituto procuratore Gregorio Capasso, arrivato in via Pisacane intorno alle 23.15, con il medico legale Maria Cristina Setacci e con il comandante provinciale dell’Arma, il colonnello Eduardo Calvi. La dinamica dell’accaduto è tutta da ricostruire.

Ad allertare il 118 è stato il figlio della coppia: aveva telefonato ai genitori e non avendo avendo avuto risposta, preoccupato, è corso nell’abitazione trovando la madre ormai esanime e il padre sotto choc. All’arrivo del personale del pronto intervento sanitario la vittima era distesa sul letto, in posizione prona. L’uomo sotto è stato trovato in un’altra stanza e portato con urgenza al Goretti.

La tragedia di questa sera, consumata tra le pareti domestiche, è avvenuta a distanza di un mese esatto dall’omicidio-suicidio di via Toscana dove Piero Romano, 71 anni, aveva sparato al padre Emanuele, 97 anni, uccidendolo nella sua abitazione per poi togliersi la vita.

Questo slideshow richiede JavaScript.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti