Al Montello Calcio si punta all’Eccellenza e a un grande vivaio: annunciato il nuovo responsabile

486

Prosegue il percorso di crescita del Montello Calcio, storica società fondata nel 1952 e proiettata verso ambiziosi programmi a breve e lunga scadenza. Il sodalizio presieduto da Roberto Belvisi e sorretto dall’instancabile contributo del direttore generale Andrea Marchiella ha deciso di affidarsi ad un’autentica garanzia nel percorso di potenziamento avviato per il vivaio.

CRISCUOLO, UNA GARANZIA PER I GIOVANI

criscuoloIl nuovo responsabile del settore giovanile sarà infatti Gianfranco Criscuolo, presidente dell’Asd Macir Cisterna. Conosciuto per i suoi illustri trascorsi come responsabile del glorioso Macir, Criscuolo ha scritto una storia ventennale lavorando sempre con i ragazzi e scoprendo e lanciando numerosi talenti. Si tratta innanzitutto di un grande educatore, abituato a trasmettere ai giovani i più sani principi da mettere in pratica innanzitutto fuori dal campo.

Con lui la società lavorerà per un definitivo salto di qualità del settore, attualmente attivo con quattro categorie: primi calci, pulcini, esordienti e juniore. Il programma del Montello mira ad un potenziamento da completare entro i prossimi tre anni: l’obiettivo è introdurre anche giovanissimi e allievi e partecipare a tutti i campionati regionali d’elite. L’intero movimento sarà poi al servizio della prima squadra, ultimamente rinforzata con l’arrivo di mister Simone De Simone e del preparatore dei portieri Enrico Picca. Attualmente in Montello milita in Prima categoria ma è intenzione del club tentare in poco tempo la scalata all’Eccellenza, per restituire al borgo la massima ribalta dilettantistica vissuta in un passato ormai lontano.

IL DG MARCHIELLA: “ALLO ZONZIN TANTE ATTIVITA’ PER L’AGGREGAZIONE”

Al di là dei successi sul campo, però, all’Oscar Zonzin si punta innanzitutto a tagliare un preciso traguardo, come precisato dal direttore Marchiella: “La nostra intenzione è quella di convogliare sull’impianto di via Sterpara una serie di attività di carattere sociale e culturale che favoriscano l’aggregazione e tolgano i ragazzi dalla strada. Un progetto ambizioso, concepito per rilanciare il borgo e fornire servizi e opportunità ai suoi residenti, giovani in primis”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti