Elezioni, Salvini calca la scena a Fondi e Terracina

Questa mattina Matteo Salvini è stato a Terracina e a Fondi per sostenere i candidati a sindaco. Folla al suo arrivo, la consueta musica introduttiva, applausi e (forse un po’ troppe, dato il periodo) strette di mano.
Mascherina gialla, pantaloncini corti, camicia bianca e mocassino per il capo della Lega, arrivato in provincia di Latina a sostenere Beniamino Maschietto per Fondi e Valentino Giuliani per Terracina.
Gli attivisti della Lega indossavano magliette bianche con la scritta color celeste “Processate anche me” in riferimento al processo che si terrà il prossimo 3 ottobre, vedrà Salvini imputato per la questione degli sbarchi all’epoca in cui era Ministro dell’Interno.

“Sapete perché noi abbiamo già vinto, anche culturalmente – ha detto a Fondi – e anche prima del voto? Perché ieri eravamo a Sapri e c’erano 2000 persone a ragionare di futuro e in fondo al pubblico, c’erano certe persone con le bandiere rosse che insultavano. Vivono di rabbia e gelosia, cercano fascisti a tutti i costi, ma qui ci sono solo italiani orgogliosi di essere italiani che rispondono con il sorriso e il lavoro. Qui ha sede un mercato ortofrutticolo: anche fare la spesa è un atto politico, compriamo e mangiamo italiano, altrimenti veniamo su come quelli là” (indica in fondo alla piazza un gruppo di contestatori con il cartello ‘Fondi non si lega’”.

A Terracina Salvini se la prende con il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina; parla di economia e di ritorno alla normalità. “Vi chiedo di vivere con buonsenso e prudenza, ma senza paura – ha detto – perché su di essa c’è qualcuno che sta facendo affari. Qualcuno ci vorrebbe per sempre rinchiusi e distanziati, invece credo che gli italiani abbiano avuto molto buonsenso, è ora di tornare a studiare, a lavorare, a pescare normalmente, con cautela”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCoronavirus, sono cinque i nuovi casi. Centinaia i tamponi ogni giorno
Articolo successivoCoronavirus, nel Lazio 152 casi. D’Amato polemizza con la Sardegna
Stefania Belmonte
"La smetta di frequentare il passato, cerchi di frequentare il futuro" (A. Tabucchi, "Sostiene Pereira", 1994). Ho amato il lavoro di giornalista anche grazie a questo libro. Guardare avanti sempre, con ottimismo e fiducia, credo sia la ricetta giusta. Amo la libertà di pensiero, costruttiva, priva di luoghi comuni. Da una vita sulla carta stampata e sul web, con qualche passaggio in radio, scrivo di cronaca e di politica. Laureata in Scienze della Comunicazione. Giornalista pubblicista dal 2008.