Mini rimpasto in giunta a Terracina, Procaccini spiega l’uscita dall’esecutivo

    Nicola Procaccini

    Rimpasto di giunta a Terracina: Nicola Procaccini spiega le ragioni che lo hanno spinto a lasciare la carica di assessore all’Attuazione del Programma.

    “Nell’Amministrazione alla guida di Terracina – afferma – si apre l’ultima e più entusiasmante fase. Quella della finalizzazione delle attività più importanti messe in campo durante la consiliatura inauguratasi nel 2016. Servirà un impegno profondo da parte di tutti: consiglieri, assessori e dipendenti della macchina comunale”.

    Per questo motivo l’europarlamentare ha rimesso nelle mani del sindaco facente funzioni, Roberta Tintari, la delega all’Attuazione del Programma, che resterà nella sua piena disponibilità fino al termine della consiliatura.

    “Naturalmente – aggiunge l’ex sindaco Procaccini – sarò sempre a disposizione di Roberta per ogni necessità, ma è giusto che sia lei a farsi carico, insieme ai suoi assessori, del completamento del nostro programma amministrativo. Poiché il mio posto in giunta verrà ricoperto da Patrizio Avelli, desidero fargli gli auguri di buon lavoro. Sono certo che Patrizio, grazie alla sua esperienza e alla sua saggezza, saprà approfittare del poco tempo a disposizione per sostenere proficuamente un settore delicatissimo come quello dei servizi sociali nei confronti dei nostri concittadini più bisognosi di attenzione”.

    “Infine, non posso nascondere una particolare emozione nel sapere che entrerà in Consiglio Comunale il mio amico e compagno (anche se a lui la parola non farà piacere…) di mille avventure politiche: Giuseppe Talone. Fin da ragazzi abbiamo condiviso un impegno appassionato nella destra italiana, coerenti fino alla noia con le nostre idee di sempre. Anche a lui auguro un buon lavoro nell’esclusivo interesse della città e della patria che amiamo”, ha concluso Procaccini.