Scuola, il premier Conte rassicura: “Ripartiamo in piena sicurezza e con regole certe”

Giuseppe Conte

Le scuole ricominceranno, e lo faranno il 14 settembre, anche se qualche autonomia ha deciso di posticipare. Sarà un rientro in piena sicurezza perché è un obiettivo prioritario del governo. Ci viene riconosciuto a livello internazionale il modo in cui abbiamo gestito l’emergenza in Italia”. Oggi pomeriggio il premier Giuseppe Conte, e con lui una schiera di ministri che hanno partecipato alla riorganizzazione della scuola, ha fatto conferenza stampa.

Dobbiamo mettere in conto che ci saranno contagi a scuola, sta succedendo un po’ ovunque ed è uno scenario inevitabile – ha detto – ma che dobbiamo affrontare senza preoccupazione: abbiamo messo a punto un prontuario e abbiamo fatto il massimo per dare alla scuola una nuova opportunità. Abbiamo messo a punto una serie di regole e investito 7 miliardi finora. Sono già a disposizione delle scuole 11 milioni di mascherine chirurgiche per docenti, personale e studenti e dispenser per disinfettare le mani. Ci saranno i banchi monoposto, in consegna fino a ottobre”.

Conte ha spiegato le norme di comportamento: mascherina in entrata e uscita, e durante gli spostamenti a scuola; sarà possibile non indossarla al banco se c’è il metro di distanza; sui mezzi di trasporto dovranno essere adottate tutte le misure.

“A scuola ci sono delle regole, delle misure sanitarie ma anche adulti preparati, la scuola è il luogo meno rischioso” – ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, assicurando la nomina di tutti i supplenti in questo fine settimana – Gli studenti senza aula sono 50mila, ma andranno comunque a scuola con la mascherina, anche senza metro di distanza”. La ministra dei Trasporti De Micheli ha detto che sugli scuolabus ci saranno segnaposti, obbligo di mascherina e il riempimento non sarà superiore all’80%.

“Se ci sarà un caso positivo – ha detto il ministro della Salute Roberto Speranzanon lasceremo mai sole le scuole. Chiuderle le scuole è stata la scelta più dolorosa“.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLatina: a scuola si torna dopo il referendum, così anche a Formia e Maenza
Articolo successivoMorte sul lavoro a San Vito, l’autopsia: ferite non causate da una caduta
Stefania Belmonte
"La smetta di frequentare il passato, cerchi di frequentare il futuro" (A. Tabucchi, "Sostiene Pereira", 1994). Ho amato il lavoro di giornalista anche grazie a questo libro. Guardare avanti sempre, con ottimismo e fiducia, credo sia la ricetta giusta. Amo la libertà di pensiero, costruttiva, priva di luoghi comuni. Da una vita sulla carta stampata e sul web, con qualche passaggio in radio, scrivo di cronaca e di politica. Laureata in Scienze della Comunicazione. Giornalista pubblicista dal 2008.