Super positivo per il primo allenamento congiunto della Top Volley

Si è pronunciato molto soddisfatto il mister Tubertini in merito al primo allenamento congiunto della sua Top Volley con il  Gestione & Soluzioni Sabaudia  presso il palazzetto dello sport in via delle Province a Cisterna di Latina. Occasione questa per sviluppare in campo il lavoro svolto fino ad ora. Davanti ad un discreto pubblico, la squadra del coach Lorenzo Tubertini ha affrontato il Sabaudia vincendo il match con punteggio di 3-0. Vinto anche dalla Top il quarto set extra con punteggio di 27-25.

Sono contento perché ci serviva questo allenamento congiunto, al termine di un periodo lungo di lavoro, è stato un test per verificare quanto siamo riusciti a fissare quello che stiamo provando in settimana– chiarisce il coach Tubertini a fine match – mi è piaciuto il ritmo di gioco e sono molto soddisfatto anche dei giovani che sono riusciti a stare in campo bene, con ordine e in linea con quello che stiamo facendo. Avremo anche dati nuovi su cui continuare a lavorare”.

Senza i nazionali Szwarc , Van Garderen, Patry, Karlitzek e Palacios, ancora impegnati con le rispettive selezioni, Tubertini ha schierato Daniele Sottile in palleggio opposto a Samuel Onwuelo, Luca Rossato e Alex Skoreiko (schiacciatore aggregato al gruppo) di banda, al centro Andrea Rossi e Alberto Elia con Mimmo Cavaccini libero. Nel corso dei match è stato dato spazio anche ai giovanissimi Rondoni classe 1999 e Margagliano, giovanissimo centrale classe 2002 arrivato direttamente dal vivaio della Top Volley.  La Top Volley ha vinto i primi tre set, poi è stato concordato di giocare un quarto set extra in cui il coach ha messo a riposo Sottile, Caviccini ed Elia e ha dato spazio stabilmente al resto del gruppo che insieme allo schiacciatore pontino Rossato alla sua prima stagione in Superlega portano a tre gli under 20 contemporaneamente in campo.  In questo ultimo set al coach interessava maggiormente capire come i giovani avrebbero gestito l’impegno agonistico e tecnico anche sotto il punto di vista emotivo, arrivando alla fine ad avere un riscontro positivo indispensabile per costruire qualcosa nel futuro.

Sono sceso in campo da titolare fin dall’inizio quindi l’emozione era tanta, i compagni mi hanno aiutato molto e ho cercato di dare il meglio contro la mia ex squadra – ha spiegato la giovanissima banda Luca Rossato sto studiando molto con il coach e sto cercando di continuare il mio percorso di miglioramento”.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti