Asta Latina Ambiente, il Comune sul campo minato. Colloqui al via per il consiglio Abc

    Iniziano oggi, 11 settembre 2017, i colloqui con il sindaco Damiano Coletta finalizzati alla scelta dei tre componenti del consiglio di amministrazione dell’azienda speciale Abc per il servizio di igiene urbana di Latina. “La carica di membro del Consiglio di amministrazione – si legge all’articolo 12 dello statuto approvato dal Consiglio comunale l’8 agosto 2017 – può dare luogo ad eventuali emolumenti indennità di carica o rimborso delle spese sostenute e documentate, nei limiti di legge, e comunque da determinarsi attraverso apposita indicazione del Consiglio Comunale”.

    Nomina presidente del Cda

    In base allo statuto (articolo 14) il passo successivo sarà quello della nomina, a cura del primo cittadino, del presidente del Cda fra i membri dello stesso. Sarà invece il presidente del Consiglio di amministrazione a nominare tra i consiglieri un vicepresidente che lo sostituisca in caso di vacanza o impedimento. L’atto di nomina del vicepresidente sarà comunicato entro quindici giorni al sindaco, all’assessore al Bilancio e all’assessore all’Ambiente. Il presidente del Consiglio di Amministrazione rappresenterà l’Abc nei rapporti con le autorità locali, regionali, statali, sovranazionali e internazionali; assicurerà l’attuazione degli indirizzi del Consiglio Comunale; curerà i rapporti di Abc con il sindaco e i suoi delegati; attuerà un costante collegamento e raccordo tra il direttore e il consiglio d’amministrazione e tra Abc e gli organi del Comune.

    Nomina del direttore

    Ecco quindi introdotta la figura del direttore. L’articolo 15 dello statuto recita: “ai sensi delle leggi vigenti, l’incarico di direttore di Abc è conferito a seguito di procedura selettiva, con deliberazione del Consiglio di Amministrazione per un periodo non superiore a tre anni, rinnovabile”. La nomina del direttore è indispensabile per l’avvio vero e proprio dell’azienda: il direttore ha la responsabilità della gestione operativa dell’azienda ed agisce nel rispetto dei criteri di buon andamento, economicità, ecologia, efficienza e solidarietà sociale, nell’ambito delle direttive fissate dal consiglio di amministrazione. Avendo la rappresentanza legale dell’azienda speciale sarà l’unica figura a sottoscrivere i contratti… e “salvo diverse determinazioni, sovrintende all’attività delle commissioni dei concorsi pubblici e delle selezioni interne riguardanti il personale”. Già il personale, uno dei nodi più stretti dell’intera operazione Abc.

    Assunzioni dirette ex articolo 6 

    Il sindaco Coletta lo scorso mercoledì ha detto, nel corso di un’intervista radiofonica, che l’amministrazione sarebbe intenzionata ad attivare, per gli operatori ecologici, l’articolo 6 del contratto nazionale collettivo di categoria (Utilitalia) che significa per i dipendenti del settore igiene urbana della Latina Ambiente l’assunzione diretta, senza ricorrere a procedure pubbliche di selezione come invece prospettato dal coordinatore della progettazione di Abc, il professor Alberto Lucarelli. Una procedura che soddisfa i lavoratori anche se gli stessi chiedono un impegno formale da parte dell’amministrazione comunale nella persona del sindaco, attraverso la sottoscrizione di un accordo che possa essere un primo punto fermo per il direttore che a breve sarà nominato e che contenga al contempo garanzie per i lavoratori interinali per i quali, tra l’altro, il sindacato Filas ha attivato un ricorso al giudice del lavoro per il riconoscimento dello stato di lavoratori stabili dal momento che molti di loro sono anni che lavorano per la Latina Ambiente.

    Tutela dei lavoratori nel piano di liquidazione della Latina Ambiente

    La possibilità dell’attivazione dell’articolo 6 (unica soluzione prospettata dalla Filas) è codificata anche nei bandi di vendita predisposti per il piano di liquidazione della fallita Latina Ambiente. Il curatore fallimentare Lorenzo Palmerini, venerdì scorso, ha comunicato ai dipendenti del settore igiene urbana che metterà all’asta un’azienda in grado di camminare da sola, un pacchetto che comprende titoli ed esperienze, quindi maestranze comprese. Che significa questo? Che all’asta andrà un’azienda con tutto il personale e trattandosi di movimentazione di ramo d’azienda (soluzione a cui ha guardato con interesse la Cisl) a garanzia della continuità lavorativa è stabilita l’applicazione delle norme speciali – articolo 47 della legge 428/1990 – che prevedono l’accordo delle parti (in questo caso Latina Ambiente, sindacato e acquirente) per la tutela dei lavoratori subordinati con contratto a tempo indeterminato. E in quest’ambito sarà possibile accordarsi anche per l’assunzione diretta, ex articolo 6 del contratto di categoria, ha sottolineato Palmerini evidenziato di aver codificato, anche se non era tenuto a farlo, tutte le modalità di garanzia dei posti di lavoro, ricordando di aver segnalato in tutte le sedi anche l’importanza del servizio svolto da quei lavoratori che non hanno tutele legali.

    Latina Ambiente all’asta, campo minato per il Comune

    I bandi di vendita predisposti dalla curatela fallimentare potranno andare deserti ma potrebbero costituire un’opportunità di investimento per gli operatori del settore a caccia dei qualificanti titoli della Latina Ambiente, certificazioni e autorizzazioni, il che significa che il Comune di Latina potrebbe trovarsi nella condizione di dover rilanciare le offerte per non perdere la forza lavoro (diversamente si troverebbe ad assumere 200 persone seguendo le regole dell’avviso pubblico; la strada maestra indicata da Lucarelli e da diversi esponenti di opposizione) e rendere operativa l’Abc dal 1° gennaio 2018, giorno successivo alla scadenza della proroga concessa dal Tribunale alla Latina Ambiente che gestisce in città lo stesso servizio che il Comune sta per affidare all’azienda speciale. La partecipazione del Comune ai bandi di vendita esporrebbe l’amministrazione di Lbc al controsenso di aver abbandonato le sorti della società a prevalente capitale del Comune spingendola al fallimento per poi doverla ricomprare in parte all’asta.

    Eventuale aggiudicazione da parte di privati, un dilemma per i lavoratori

    L’aggiudicazione all’asta da parte di un operatore economico – cosa per nulla affatto esclusa, a giudicare dalle parole del curatore fallimentare – potrebbe esporre i dipendenti della Latina Ambiente al dubbio amletico se accettare di buon grado il passaggio nel ventre di qualche leader del settore o se affidarsi alle sorti della scommessa politica di Latina bene comune.

    Quella libera concorrenza svanita

    I bandi di vendita, comunque studiati per il Comune – come ha sottolineato Palmerini prima di evidenziare che possono costituire un ottimo investimento per operatori economici -, potrebbero inoltre stimolare gli imprenditori del settore a manovre finalizzate a ricollocare il servizio igiene del capoluogo pontino al centro della libera concorrenza azzerata con l’affidamento diretto ad un’azienda speciale creata ad hoc. Un tiro mancino in questa fase potrebbe destabilizzare l’operazione Abc che tanto ha fatto indispettire i partecipanti al bando lasciato in eredità dal commissario prefettizio Giacomo Barbato e annullato dall’amministrazione comunale di Latina Bene Comune.

    Bandi di vendita, sorpresa esplosiva o bluff

    Certo è che la curatela fallimentare ha infiocchettato il pacco; non resta che scartarlo e vedere se dentro c’è una sorpresa esplosiva o se si è trattato solo di un bluff nella speranza di scucire qualche denaro al Comune che finora non ha riconosciuto nei confronti della sua società fallita i crediti da essa vantati.

    La presentazione di Cappucci e l’avvio dei colloqui per il cda dell’azienda speciale

    Intanto da oggi in commissione consiliare Ambiente la presentazione del nuovo dirigente comunale del servizio Ambiente e Protezione civile, il geologo Sergio Cappucci, e l’avvio dei colloqui con il sindaco – che andranno avanti fino a dopodomani, per la scelta dei componenti del consiglio di amministrazione dell’azienda Abc. Di seguito l’elenco dei candidati, data, luogo e orario di convocazione. I colloqui sono pubblici.

    SALA DE PASQUALE

    Aufiero Angelo
    11.09.17 ore 09.00
    Barbini Enrico
    11.09.17 ore 09.00
    Benedetti Simone
    11.09.17 ore 09.30
    Benghi Simone
    11.09.17 ore 09.30
    Bianchi Tommaso
    11.09.17 ore 10.00
    Campagna Fabrizio
    11.09.17 ore 10.00
    Campagna Maria Cristina
    11.09.17 ore 10.30
    Capponi Pierluigi
    11.09.17 ore 10.30
    Capponi Stefania
    11.09.17 ore 11.00
    Carotenuto Alfonso
    11.09.17 ore 11.00
    Casagrande Vispi Giuseppe
    11.09.17 ore 11.30
    Cea Nicola Rosario
    11.09.17 ore 11.30
    Ceri Alberto
    11.09.17 ore 12.00
    Cincotti Gabriele
    11.09.17 ore 12.00
    Colacicco Francesco
    11.09.17 ore 12.30
    Coletta Cesare
    11.09.17 ore 12.30
    Coluccio Vincenzo
    11.09.17 ore 14.30
    Cossalter Maurizio
    11.09.17 ore 14.30
    Critti Nicolò
    11.09.17 ore 15.00
    Cupellaro Roberto
    11.09.17 ore 15.00
    D’Annibale Luca
    11.09.17 ore 15.30
    De Filippis Sabrina
    11.09.17 ore 15.30
    De Stefano Demetrio
    11.09.17 ore 16.00
    Delle Donne Gianpaolo
    11.09.17 ore 16.00
    Drusin Stefania
    11.09.17 ore 16.30
    Faiola Linda
    11.09.17 ore 16.30
    Farina Valter
    11.09.17 ore 17.00
    Fontenova Alessandro
    11.09.17 ore 17.00
    Fontenova Roberto
    11.09.17 ore 17.30
    Fortunato Michele
    11.09.17 ore 17.30
    Fresser Gunther
    11.09.17 ore 18.00
    Fusco Vittorio
    11.09.17 ore 18.00
    Gambararo Enzo
    11.09.17 ore 18.30
    Gasbarroni Alessia
    11.09.17 ore 18.30

    SALA DE PASQUALE

    Gasbarroni Roberto
    12.09.17 ore 09.00
    Giaffa Alfredo
    12.09.17 ore 09.00
    Ginanneschi Federico
    12.09.17 ore 09.30
    Giorgi Gustavo
    12.09.17 ore 09.30
    Guarnacci Bruno
    12.09.17 ore 10.00
    Guarnacci Sara
    12.09.17 ore 10.00
    Ibello Giuseppe
    12.09.17 ore 10.30
    Luciani Roberto
    12.09.17 ore 10.30
    Macale Carlo
    12.09.17 ore 11.00
    Madaro Donato
    12.09.17 ore 11.00
    Manni Paolo
    12.09.17 ore 11.30
    Manotta Manuel
    12.09.17 ore 11.30
    Marangon Sabrina domanda presentata oltre il termine
    Marras Efisio
    12.09.17 ore 12.00
    Marson Silvia
    12.09.17 ore 12.00
    Mastrangelo Nadia
    12.09.17 ore 12.30
    Mastrogiacomo Massimo
    12.09.17 ore 12.30

    AULA CONSILIARE

    Musmeci Fabio
    12.09.17 ore 14.30
    Nardi Marco
    12.09.17 ore 14.30
    Nesi Mirko
    12.09.17 ore 15.00
    Pignatelli Vito
    12.09.17 ore 15.00
    Porzi Alessandro
    12.09.17 ore 15.30
    Presutti Roberto
    12.09.17 ore 15.30
    Prova Pietro
    12.09.17 ore 16.00
    Rocca Maxime
    12.09.17 ore 16.00
    Roccato Massimiliano domanda presentata oltre il termine
    Russo Silvano
    12.09.17 ore 16.30
    Scena Silvio
    12.09.17 ore 16.30
    Sicilia Francesco
    12.09.17 ore 17.00
    Silvi Giorgio
    12.09.17 ore 17.00
    Simoncelli Emilio
    12.09.17 ore 17.30

    AULA DE PASQUALE

    Sperduti Claudio
    13.09.17 ore 10.30
    Strocchia Nicola
    13.09.17 ore 10.30
    Taglialatela Mario
    13.09.17 ore 11.00
    Tamburella Valerio
    13.09.17 ore 11.00
    Targa Luca
    13.09.17 ore 11.30
    Torelli Pierluigi
    13.09.17 ore 11.30
    Vaccarella Giuseppe
    13.09.17 ore 12.00
    Vecchi Renzo
    13.09.17 ore 12.00
    Venturiello Michele
    13.09.17 ore 12.30
    Verrengia Angelina
    13.09.17 ore 12.30