Latina, un percorso in-formativo per “capire” gli enti locali

A Latina un “Percorso in-formativo” per capire il funzionamento di Comune, Provincia e Regione e delle loro articolazioni. Un’iniziativa appena nata e che già ha riscosso interesse: quasi cinquanta iscritti in pochi giorni e sala piena alla prima lezione tenuta giovedì scorso da Nicola Pepe che ha inquadrato il tema generale partendo dalla nascita degli enti locali e dell’autonomia degli enti locali con uno sguardo alla normativa di riferimento, a partire dalla Costituzione. Prossimo appuntamento il 30 gennaio: previsto un contributo del capogruppo consiliare del Pd Nicoletta Zuliani sulle competenze del Comune.

L’iniziativa è organizzata da Città Democratica (referente Davide De Mauri), Giovani Democratici (referente Leonardo Majocchi), Rete degli studenti Medi (referente Filippo Vaccaro). Altre associazioni, tra cui Unesco Latina, hanno espresso il proprio interesse a fornire un supporto organizzativo.

Le lezioni si tengono, presso la Casa del Combattente, con cadenza bisettimanale. Le iscrizioni sono libere (qui il link per effettuarle).

Durante il percorso saranno analizzati gli atti amministrativi e politici che concretamente intervengono sulla vita delle persone e del territorio (determinazioni, delibere, ordinanze…). I partecipanti potranno acquisire nozioni per la redazione di mozioni, interrogazioni, petizioni, richieste di accesso agli atti. Insomma, una palestra anche per chi volesse allenarsi per un’eventuale candidatura alle elezioni amministrative alle quali non sempre partecipano persone consapevoli del funzionamento della macchina amministrativa.

“La Costituzione e le leggi – si legge nelle finalità del progetto – definiscono il quadro dentro il quale operare, e chi viene eletto ha il dovere di esercitare il ‘potere di fare’. Per essere cittadini più consapevoli e attenti alle dinamiche che stanno dietro alla gestione delle cose comuni e delle scelte che vengono fatte, occorre conoscere gli elementi base di come è organizzata la convivenza di una comunità, comunità che spesso è tenuta fuori dalle scelte che hanno effetti diretti su di lei”.

Il Percorso in-formativo prevede visite alla Camera dei deputati e al Senato, ma anche la partecipazione tra il pubblico a Consigli e commissioni degli enti locali.

Ospiti di parlamentari europei, ai primi 50 corsisti iscritti sarà data la possibilità di partecipare a un viaggio a Bruxelles o a Strasburgo per una visita alle sedi del Parlamento Europeo.

Il percorso verrà certificato e sarà utile ai fini della costruzione della competenza “Cittadinanza e Costituzione” richiesta per l’Esame di Stato delle Scuole Secondarie
Superiori.

 

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti