Latina avrà uno skatepark. Ma è subito polemica

    Il Comune di Latina ha annunciato il voto favorevole della giunta per la realizzazione di uno skatepark nel parco Falcone e Borsellino, in pieno centro cittadino. L’opera si farà nel sito della dismessa pista di pattinaggio per una spesa complessiva di 150mila euro.

    “Latina è una città giovane e con i giovani abbiamo sempre avuto un intenso dialogo – ha commentato il sindaco Damiano Coletta – Erano state tante le sollecitazioni ricevute per la realizzazione di uno skatepark, uno spazio sicuro dedicato a tutti coloro che praticano questa attività. E infatti era da tempo che ci stavamo lavorando, abbiamo anche incontrato diversi esperti del settore per capire come era meglio muoversi. Oggi c’è molta soddisfazione per aver raggiunto questo obiettivo, si tratta di un elemento di valorizzazione del Parco Falcone Borsellino cui ne seguiranno altri. Ora dobbiamo impegnarci per mettere a disposizione della città questa nuova struttura nel più breve tempo possibile”. Sempre ai giardinetti sarà implementata anche l’area giochi.

    “Esprimo grande soddisfazione per il voto in giunta sulla realizzazione di uno skatepark a Latina – ha commentato la capogruppo di Latina Bene Comune, Valeria Campagna – Concretizza la politica, cara a questa amministrazione, di conciliare le esigenze dei giovani in tema di sport e aggregazione sociale. Si tratta di una importante opportunità di valorizzazione per il territorio, visto che ne riqualifica una parte ormai in disuso. L’opera si inserisce in un progetto di riqualificazione più ampio e nasce dal desiderio di tanti giovani della città che praticano questo sport. Negli anni da consigliera comunale li ho ascoltati e, condividendo questa esigenza, ne ho raccolto le istanze. Chiedevano uno skatepark da anni e anche la collega Zuliani si era fatta carico della richiesta dal precedente mandato: oggi l’amministrazione di Lbc mette la prima pietra.
    I ragazzi, molti dei quali minorenni, chiedevano uno spazio sicuro in cui praticare questo sport, al centro della città: finalmente quest’anno è stato possibile stanziare le somme necessarie nel bilancio di assestamento e l’area individuata è nel parco comunale”.

    Critica, però, proprio Nicoletta Zuliani: “Purtroppo la fretta è cattiva consigliera e di certo non consente di avviare quei percorsi partecipativi che, sicuramente richiedono più tempo, ma che garantiscono la riuscita e la sostenibilità dei progetti”.

    La consigliera del Pd si chiede se ci sia stato un confronto con gli skaters, perché – sostiene –  “il luogo è totalmente sbagliato, pericolosissimo, e chi ha parlato con i ragazzi che praticano questo sport sa benissimo che gli aghi dei pini le foglie e i piccoli rametti che cadono sulla pista di skate mettono a serio rischio l’incolumità degli skaters. Dovrebbero stare ogni istante a pulire con una scopa e a raccogliere agli e foglie. Tutte le piste di skateboard sono lontane dagli alberi – aggiunge – lontane dai cespugli, lontane dal verde, da piante con foglie caduche o che possono seccarsi o che possono fare i fiori”.