Acqualatina fornisce chiarimenti sul contratto di finanziamento con Depfa Bank

254

Alla vigilia dell’assemblea dei soci Acqualatina (prima convocazione fissata per l’8 settembre, la seconda per il 9 settembre) per l’approvazione del bilancio 2015, sul quale pende la possibilità che la Depfa bank si sostituisca ai Comuni detentori di azioni impegnate a garanzia del maxi prestito elargito otto anni fa, la società fornisce chiarimenti sul contratto di finanziamento con l’istituto bancario irlandese.

Pertanto riportiamo di seguito il contenuto della nota stampa proveniente dal servizio comunicazione di Acqualatina spa.

In alcune dichiarazioni rilasciate a mezzo stampa in questi giorni, da rappresentanti politici e non, si discute il contratto di finanziamento stipulato tra Acqualatina e Depfa Bank per l’esecuzione di importanti investimenti, nonché l’effettivo utilizzo del finanziamento erogato.

In più articoli si legge, infatti, che parte del finanziamento è stato utilizzato dal Gestore per saldare debiti maturati con il socio industriale, Idrolatina, nonché con Depfa Bank stessa, sottraendo tali importi alla realizzazione degli investimenti.

Prima di tutto, occorre chiarire che il contratto di Depfa Bank è al finanziamento dei cosiddetti “Costi di progetto”, ovvero: investimenti e costi operativi. Tuttavia, viste le impellenti esigenze del territorio, si è scelto di destinare l’intero importo finanziato a favore di investimenti su reti e impianti.

Anche i finanziamenti erogati anticipatamente da Depfa Bank e da Idrolatina sono stati utilizzati per effettuare importanti investimenti a favore del territorio. Investimenti che, a inizio gestione, non sarebbe stato possibile effettuare in altro modo, dato che l’unica fonte di finanziamento, per un gestore di servizio come Acqualatina, sono le bollette pagate dagli utenti.

Basti pensare che, da inizio gestione al 2007, anno in cui è stato stipulato il contratto di finanziamento, Acqualatina ha realizzato investimenti per un importo pari a 68,4milioni di euro. Interventi questi, resi possibili solo grazie al supporto di Idrolatina e di Depfa Bank, come detto.

Un impegno che è poi proseguito anche negli anni successivi, con investimenti pari a 100,6milioni nel 2009, per arrivare agli attuali 190milioni: ovvero circa 100milioni in più dell’importo utilizzato con il finanziamento. Queste le principali voci di investimento, ad oggi:

  • Acquedotto: circa 90milioni di euro
  • Fognatura:  circa 29milioni di euro
  • Depurazione: circa 48milioni di euro

Si tratta di un impegno che ha permesso di raggiungere, sinora, importanti obiettivi, come: l’ottenimento dell’autorizzazione allo scarico per il 100% dei depuratori, a inizio gestione limitata al solo 7%, l’ottenimento delle uniche Bandiere Blu di tutto il Lazio, l’avvio e l’ammodernamento di numerosi impianti, prima inefficienti o addirittura inattivi, o ancora la risoluzione del problema “Arsenico” in molti Comuni, mai affrontato dalle precedenti gestioni.

Ad oggi, inoltre, il piano degli investimenti prevede che gli attuali 190 milioni divengano 270 nel 2020 e 440 nel 2032. È chiaro dunque, che quanto riportato negli articoli non trovi riscontro nella realtà.

Continuare a diffondere false informazioni sull’impegno del Gestore e su uno strumento come il project financing, ormai ampiamente diffuso in molti settori per effettuare investimenti necessari alla risoluzione di problematiche rilevanti, pertanto, ha come unico risultato quello di confondere i cittadini-utenti che, al contrario e specie in un momento così delicato come quello attuale, dovrebbero essere messi al corrente del reale stato dei fatti.

Acqualatina, dal canto suo, ribadisce il proprio impegno nel fornire informazioni ufficiali e documentate che possano garantire un quadro sempre più completo ed esaustivo sull’impegno già profuso a favore del territorio e sugli investimenti di prossima realizzazione.

I NOSTRI SERVIZI SULL’ARGOMENTO

Acqua pubblica nella falla dei pegni. L’autogol dei Comuni pontini e l’ipotesi da Corte dei Conti

Pegni sulle azioni di Acqualatina, ecco chi firmò per conto dei Comuni

Pegni sulle azioni di Acqualatina, il doppio ruolo dell’assessore Magnifico-Magnafico

Acqua pubblica, un piano per i sindaci: ecco come disarmare la Depfa Bank e scalare Acqualatina

Acqualatina e il contratto capestro, a Roccagorga sindaci a confronto sulle possibili vie d’uscita

Sabaudia, pegno su azioni Acqualatina. Chiesto a Quarto l’annullamento in autotutela

Acqualatina e un disastro a peso d’oro: Roccagorga rilancia la sfida dei sindaci

Acqualatina, tutte le cifre del mutuo Depfa Bank: l’incognita utilizzi/investimenti

Acqualatina, il piano magico degli investimenti. Ecco la ricaduta sui Comuni Ato 4… quasi sempre a secco

Un’altra giornata a secco: nuovo bollettino di guerra Acqualatina nonostante gli investimenti

“Acqua pubblica a Latina, Coletta dimostri di essere il capitano della squadra del bene comune”

Acqualatina, l’appello del Comitato ai Comuni: c’è un modo per non soccombere

Depfa/Acqualatina, Procaccini spara al serbatoio della politica: no ad Acea, i Comuni hanno diritto di prelazione

“Acqualatina, il nostro voto non si tocca”. Il sindaco di Lenola diffida la Depfa bank

Bilancio Acqualatina, verso la resa dei conti tra Depfa, Comuni e Idrolatina

LE VOSTRE OPINIONI

commenti